Interviste

Negli ultimi anni le nuove competenze richieste dal mondo del lavoro hanno dato vita a nuove figure professionali e indirizzato quelle esistenti ad ampliare lo spettro di conoscenze. Quali sono le soft skills, competenze e/o materie che avrebbe senso integrare in un corso di Laurea per preparare gli studenti alla rivoluzione professionale in corso?

Ci siamo immaginati molti scenari e alla fine abbiamo scelto di dare voce a coloro che studenti lo sono stati e che ora, da imprenditori, dirigenti, manager, possono fornirci la loro visione.

Li abbiamo intervistati chiedendo quale è stata la loro esperienza in Ca' Foscari e, soprattutto, cosa consiglierebbero agli studenti di oggi?

Ecco un estratto delle prime 3 interviste:

Silvio Genito

Silvio Genito 

Linkedin

SAT Studio Legale - Spinazzi Azzarita Troi Genito

Come è maturata la scelta di intraprendere il percorso professionale che attualmente svolgi e quali sono gli strumenti forniti da Ca’ Foscari che si sono dimostrati maggiormente utili?

Sono arrivato ad intraprendere l’attuale percorso professionale – quello di dottore commercialista specializzato in consulenza ed assistenza nell’ambito delle operazioni straordinarie di impresa – solo dopo altre tre esperienze professionali non necessariamente contigue. La scelta è maturata a seguito dell’esperienza lavorativa e alle chance, fornite dalla multinazionale per la quale lavoravo, di mettermi alla prova su ambiti differenti.

La base di competenze e la forma mentis maturata durante il percorso universitario mi hanno consentito di affrontare le sfide di ambiti professionali diversi acquisendo velocemente le skills necessarie.

Dato il ruolo che attualmente svolgi, quali sono le soft skills che vengono maggiormente apprezzate nel settore in cui lavori?

Senza dubbio il problem solving e la capacità di lavorare in team.

Alberto Fonte

Alberto Fonte

Linkedin

Sales Director at Pinarello

Come valuti la tua esperienza di studio presso la facoltà di Economia a Ca’ Foscari e quali sono i punti di forza della tua esperienza accademica presso l’ateneo veneziano?

Valuto in modo estremamente positivo la mia esperienza di studio, sia per l’apprendimento ricevuto sia per le opportunità che mi sono poi state offerte nel mondo del lavoro. Penso che l’esperienza alla facoltà Economia a Ca’ Foscari sia stata efficace in particolare su due principali aspetti: mi ha insegnato le nozioni specifiche e mi ha aiutato a vedere il mio futuro professionale, a capire quello che mi sarebbe piaciuto fare professionalmente e dove mi sarei dovuto concentrare. Nel mio caso business management e marketing.

Quali sono i punti chiavi su cui un sistema universitario moderno dovrebbe necessariamente investire per mantenere lo status formativo al passo con le richieste del mercato del lavoro?

Oltre agli strumenti, alle nozioni specifiche ritengo il sistema universitario debba investire sullo sviluppo delle soft skills personali. Maggiore attenzione su tematiche quali: team working, intelligenza emotiva, creatività, problem solving, etc. Il mercato del lavoro richiede quale requisito base la capacità di lavorare in team, il sistema universitario dovrebbe investire più energie per preparare i laureati a questo tipo di sfide.

Paolo Finco

Paolo Finco

Linkedin

Desk Head - HNWI at UBS Switzerland AG

Ritieni che il settore nel quale operi possa offrire opportunità di crescita per chi si laurea oggi presso l’ateneo veneziano? Quali passi senti di consigliare ad un neolaureato che sia interessato a fare esperienza nel settore finanziario ed in particolare nel private banking e wealth management?

Il mondo finanziario offre sicuramente grandi opportunità, diverse però dal passato e quindi bisogna prepararsi adeguatamente. I lavori meno qualificati tenderanno ad essere sostituiti dalla tecnologia, quindi gli Istituti Finanziari avranno bisogno di meno personale ma più preparato.

Farsi trovare pronti, per essere assunti, è quindi fondamentale.Viviamo in un mondo che cambia rapidamente e quindi la formazione è un processo continuo, che non ha età, da portare avanti sicuramente sul luogo di lavoro, attraverso i corsi formativi (vi assicuro che in tutte le realtà in cui ho lavorato ne facevo molti), sia nel proprio "tempo libero". Ad esempio a settembre scorso ho cominciato a frequentare un Executive MBA in una Business School americana presso il loro campus di Londra.

L'importante è fare percorsi formativi di qualità e riconosciuti a livello internazionale. Ad un ragazzo che studia a Ca' Foscari consiglierei sicuramente l'Erasmus e, una volta terminato il percorso di studi, un Master all'estero. L'ostacolo principale è, non nascondiamocelo, sicuramente economico, le migliori Business School sono costose e generalmente full time. Ricordate che è un investimento sul vostro futuro e se cominciate subito a lavorare non avrete più il tempo per farlo.

Quali sono i punti chiave su cui un sistema universitario moderno dovrebbe necessariamente investire per mantenere lo status formativo al passo con le richieste del mercato del lavoro?

I professori. Sono fondamentali, tutto parte da loro. A mio modesto avviso devono conoscere le materie, avere doti comunicative e motivazionali importanti, per attrarre, gestire e motivare adeguatamente gli studenti, ma soprattutto avere una didattica concreta e una relazione costante con il mondo del lavoro.

La tecnologia. La farà da padrona e l'Università deve sicuramente stare al passo, per dare agli studenti la possibilità di accedere alle lezioni e ai contenuti trasmessi durante le stesse 24 ore su 24, in maniera smart e online. La mobilità. In un mondo globale è doveroso dare la possibilità agli studenti di studiare all'estero, soprattutto in ambienti qualificati e stimolanti. Networking.

Le università hanno il dovere di creare situazioni favorevoli e promuovere il networking tra gli studenti e il tessuto economico e sociale, non solo locale ma internazionale. La multiculturalità. Un ateneo dovrebbe cercare di attrarre non solo i talenti migliori dell'area ma altresì deve cercare di attirare i talenti geograficamente più lontani i quali peraltro portano con sè il proprio background specifico di esperienza.

Club CafoscariMi
mail: cafoscarimi@alumni.unive.it
tel.: +39 333 37 39 607